Termina un importate capitolo dello slalom mondiale: Marlies Schild si ritira.

Stamattina la trentatreenne austriaca ha annunciato la fine della sua carriera in una conferenza stampa a Vienna, presso la Uniqa Tower.

247242_l-autrichienne-marlies-schild-victorieuse-du-slalom-de-zagreb-le-3-janvier-2012 

Già c’erano stati segnali alla fine della scorsa stagione, quando aveva espresso perplessità riguardo al suo ritorno in Coppa del Mondo questa stagione, ma aveva anche postato foto di lei in palestra durante una sessione di allenamento, per cui i tifosi speravano di rivederla al cancelletto, se non a Soelden almeno a Levi. Un’altra speranza di vederla ancora volteggiare tra i pali stretti l’aveva data l’annuncio del fidanzato Benni Raich, che si ritirerà al termine della stagione in modo da provare a qualificarsi ai mondiali di Vail – Beaver Creek 2015. Infatti i primi mondiali disputati dal grande campione austriaco sono stati proprio a Vail nel 1999, quindi gli farebbe piacere chiudere la carriera disputando i mondiali proprio dove aveva iniziato al sua avventura.

Purtroppo invece la slalomista più vincente di sempre si ritira, dichiarando che adesso, dopo aver realizzato i suoi sogni sportivi, vuole realizzare un altro sogno, farsi una famiglia ed avere dei figli.

 

Ripercorriamo brevemente la carriera di questa icona dello sci per vivere ancora una volta le emozioni che ci ha regalato nei suoi tredici anni di Coppa del Mondo. 

Non molti sanno che la regina dello slalom è nata come velocista, ma a seguito di un infortunio, quando si trovava ancora nelle categorie giovanili del Wunder Team, ha deciso di cambiare e di dedicarsi alle discipline tecniche.

Ha debuttato in Coppa del Mondo il 9 dicembre 2001 a Sestriere in slalom, guadagnando subito i primi punti con la venticinquesima posizione. Il primo podio, un terzo posto, è arrivato ad Aspen il 30 novembre 2002, mentre la prima vittoria è stata conseguita il 13 marzo 2004 a Sestriere.

Da allora ha conseguito 37 vittorie, di cui 35 in slalom, che la rendono la slalomista più vincente di sempre, seguita per una sola vittoria da Vreni Schneider, una in gigante e una in combinata e 68 podi.

 Marlies+Schild+Audi+FIS+World+Cup+Women+Slalom+rk3Ax3m3lV9l

Ha sfiorato nel 2007 la vittoria della Coppa del Mondo generale, persa all’ultima gara per novanta punti, ma ha vinto cinque coppe di specialità, quattro di slalom e una di combinata.

Ha anche vinto due ori mondiali, uno in slalom a Garmisch – Partenkirchen e uno nel team event a Åre; tre argenti, due in slalom, ad Åre e a St. Moriz, e uno nel team event di Garmisch – Partenkirchen; e due bronzi, entrambi in combinata, uno a Garmisch – Partenkirchen e uno ad Åre.

 news_98869

L’unica cosa che è mancata alla carriera della Schild è l’oro olimpico, sfiorato tre volte, a Torino, in combinata, e a Vancouver e a Sochi, in slalom, dove ha comunque riportato tre argenti. Ha anche vinto il bronzo olimpico in slalom a Torino.

 

Chi saranno le eredi della regina? Sicuramente Mikaela Shiffrin, già ampiamente affermatasi con la vittoria di due coppe di specialità, con l’oro mondiale a Schladming ed l’oro olimpico a Sochi, ma anche la sorellina Bernadette con cui ha già due volte condiviso il podio, a Courchevel e a Kranjska Gora.

 Mikaela-Shiffrin-Marlies-Schild

Non ci resta che salutare questa grandissima stella del firmamento del circo bianco ed augurarle tutto il meglio per il nuovo capitolo della sua vita.

116.382.197 

Riporto anche le parole scritte da Benni Raich su facebook per salutare, professionalmente, la sua fidanzata: “Cara Marlies, hai avuto un’incredibile carriera e non vedo l’ora di vivere il nostro futuro insieme. Benni”.

Advertisements

Una risposta »

  1. Bruno ha detto:

    Ciao Elena !!!

    Articolo straordinario per rendere omaggio ad un’atleta straordinaria che mancherà al circuito bianco.
    Però, forse due righe per salutare la sua bellissima carriera se le sarebbe meritate anche Denise KARBON, no ???
    Spesso è stata lei a portare sù in alto la bandiera tricolore . . .
    Grazie per questo articolo e penso che, come me, sono in tanti quelli che ne aspettano altri della stessa qualità.

    Ciao Elena !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...