Con tutti i giovanissimi emergenti in Coppa del Mondo, mi sono chiesta come questi talenti nascano e si formino. Così ho pensato che potesse essere molto interessante porre qualche domanda a due giovanissime atlete, per capire come quelli che poi diventano i grandi del Circo Bianco cominciano il loro cammino, quali sono le loro aspirazioni e i loro sogni.

Le due ragazze in questione sono Marta Bassino, nata il 27 febbraio 1996, e Lara Della Mea, nata il 10 gennaio 1999.

Image

Marta Bassino da Borgo San Dalmazzo, atleta dello Sci Club Val Vermenagna e studentessa dello Ski College Limone, ha vinto il gigante nella categoria ragazze del Trofeo Topolino nel 2009, trampolino di lancio internazionale per la maggior parte degli atleti del Circo Bianco. Si è laureata campionessa nazionale juniores 2012 a Bardonecchia in discesa, gigante e super g e con l’inizio della nuova stagione ha conquistato due importanti successi in gare FIS, il primo a Davos (SUI) il 20 novembre 2012 e il secondo all’Abetone il 12 dicembre 2012. Ha debuttato in Coppa Europa il 14 febbraio 2012 e per ora il suo miglior risultato è un trentunesimo posto a Kvitfjell (NOR) in super g.

 Image

Lara Della Mea, tarvisiana dello Sci Club Monte Lussari e studentessa della Scuola Media di Arnldstein, in Austria, ha vinto tre volte il Trofeo Topolino, nel 2011 il gigante nella categoria ragazze e nel 2012 sia il gigante sia lo speciale, sempre nella stessa categoria. Nel 2011 ha poi vinto, nell’ambito dei Campionati Italiani ragazzi, l’oro in gigante, super g e combinata, mentre nel 2012 l’oro in speciale, super g e combinata e l’argento in gigante.

Hanno entrambe iniziato a sciare quando erano molto piccole, Marta a due anni e Lara a tre, grazie agli insegnamenti dei papà allenatori, che le hanno avvicinate e fatte appassionare allo sci alpino.

Mentre Lara non ha mai praticato altri sport seriamente, ma solo come hobby, Marta ha praticato ginnastica artistica fino alla seconda media, ma poi il binomio ginnastica-sci, sommato allo studio è diventato troppo impegnativo, costringendola ad una scelta, ricaduta, ovviamente, sullo sci.

Image

Ma cos’è di questo sport ad affascinarle di più? Marta mostra di apprezzare molto, oltre all’atto agonistico in sé, l’ambiente che gira intorno al mondo dello sci, che, come lo definisce lei, è calmo e tranquillo. Lara invece pone l’accento sulle sensazioni uniche da lei provate mentre scia, in particolare la sensazione di libertà.

Image

Per quanto riguarda le competizioni in ambito internazionale, entrambe sottolineano l’importanza del confronto con nuove avversarie, nel caso di Marta anche con ragazze più grandi in Coppa Europa, terreno perfetto per fare esperienza.  Lara poi, mette in risalto lo stimolo che deriva da questi nuovi confronti, e in particolare la soddisfazione nel vincere queste competizioni internazionali.

Marta, parlando dei Campionati Internazionali nella categoria ragazzi/allievi, definisce questa esperienza come unica, come un buon punto d’arrivo (e io aggiungerei anche di inizio) e come una grandissima soddisfazione.

Sia Marta sia Lara indicano come loro idolo agonistico il grande gigantista americano Ted Ligety, per le sue incredibili pieghe e per la marcia in più che in questo momento sta mostrando di avere rispetto agli avversari. Lara aggiunge anche come idolo nelle discipline veloci Lindsey Vonn per la sua eleganza in discesa.

Quali sono gli obiettivi di questi due giovanissimi talenti?

Marta desidera migliorare in slalom e si pone come obiettivo quello di arrivare il più in alto possibile.

Image

Lara, per ora, desidera vincere le gare che ha vinto l’anno passato e di aggiungere a queste l’oro negli Italiani. Il suo sogno è quello di entrare in Nazionale e, magari, di vincere una medaglia alle Olimpiadi e afferma che ce la metterà tutta per realizzarlo.

 Image

Io, per ora, ringrazio queste due simpatiche e disponibili ragazze, che hanno gentilmente risposto alle mie domande e faccio loro un grande “in bocca al lupo”, con l’augurio che i loro sogni possano presto diventare realtà.

Annunci

Una risposta »

  1. Francesco III d'Este ha detto:

    Lo dico chiaramente: stravedo per Marta Bassino. Tutto di lei mi fa impazzire: è bella, ha un sorriso dolcissimo (che solo a vederlo mi riempie di gioia e mi risolleva il morale anche nelle giornate peggiori) e scia divinamente. In gigante accarezza la neve e le porte con garbo e leggerezza, con uno stile che ad un tempo mi ricorda Anna Fenninger e Denise Karbon. E da come parla, da come si comporta traspare che l’attitudine da fatina è un tratto qualificante del suo essere. E quindi non puoi non volerle bene.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...