Visto che abbiamo approfondito il mondo dei più giovani, mi sembra giusto dare spazio alla prima grande manifestazione internazionale a cui i giovani aspiranti campioni partecipano: il Trofeo Topolino.

Questa prestigiosa competizione si svolge annualmente sulle nevi italiane il terzo week-end di febbraio e vi partecipano le più giovani promesse di ogni nazione divise in due categorie: gli Allievi, di 14-15 anni, e i Ragazzi, di 12-13 anni.

La manifestazione è nata per iniziativa del conduttore televisivo Mike Bongiorno e del giornalista Rolly Marchi, sotto la supervisione del maestro di sci Gigi Panei, nel lontano 1957 e la prima edizione ha avuto luogo nel 1958 a Courmayeur. Dal 1970 è diventata una gara FIS, chiamata ufficialmente “Criterium Internazionale Giovani”, divenendo quindi un titolo mondiale riconosciuto a tutti i livelli. Da allora questo evento ha guadagnato popolarità e iscritti, tanto che oggi vi partecipano ogni anno circa 350 atleti in rappresentanza di 50 nazioni e di tutti continenti. La sua preparazione e il suo svolgimento coinvolgono ogni anno più di 10.000 persone tra atleti, tecnici, allenatori, addetti all’organizzazione, accompagnatori.

Tra le iniziative più importanti che ruotano intorno a questo evento è il Premio Pittura che si svolge dal 1969 ed è un concorso riservato agli alunni delle scuole elementari della località ospitante e dei comuni circostanti. Viene scelto ogni anno un tema guida su cui i giovani artisti si possono esprimere liberamente con la tecnica che preferiscono. I vincitori vengono poi premiati insieme con i vincitori delle gare.

Fino al 2006 le gare in programma erano quattro: uno slalom speciale ed uno slalom gigante per ognuna delle categorie, divise poi ovviamente in ragazzi e ragazze.

Dal 2006 è stata poi introdotta la Combirace, una specialità tutta nuova, studiata dalla FIS per rispondere alle esigenze psicologiche e fisiche dei ragazzini, ma che è stata poi eliminata a partire dal 2011.

La caratteristica più importante del Trofeo Topolino è quella di essere un vero e proprio trampolino di lancio per questi giovani atleti. Non è infatti un caso che tantissimi di questi Topolini siano poi approdati in Coppa del Mondo ottenendo risultati eccezionali.

Image

E’ interessantissimo scorrere l’Albo d’Oro di questa manifestazione e ritrovare tantissimi di quelli che poi hanno dimostrato di essere tra più grandi atleti di sempre.

Alla luce di questo, approfondiamo ora cosa è accaduto ai Topolini iridati degli anni 1965, 1975 e 77, alle due del 1982, 1985, 1986, 1991, 1997 e 1999.

1965: Gustav Thöni

Nato a Trafoi (ITA) il 28 febbraio 1951, è tra gli indIscussi e indiscutibili grandi del Circo Bianco.

Il suo palmarès presenta tutti i trofei più invidiabili e prestigiosi, i quali si possono, per altro, andare a vedere nell’albergo di proprietà della famiglia Thoeni, Hotel Bella Vista, a Trafoi, dove sono esposti.

Il grandissimo della Valanga Azzurra vanta 69 podi, di cui 24 vittorie, in Coppa del Mondo, quattro Coppe Generali (1971, 1972, 1973, 1975), tre Coppe di gigante (1970, 1971, 1972) e due di slalom (1973, 1974), quattro ori Mondiali (combinata a Sapporo nel 1972, gigante e speciale Sankt Moritz nel 1974 e combinata a Innsbruck nel 1976), un oro Olimpico a Sapporo nel 1972.

Nonostante fosse un tecnicista, vanta un secondo posto sulla Streif di Kitzbuhel il 18 gennaio del 1975 a soli 3 millesimi da Franz Klammer, il più grande discesista di tutti i tempi.

A seguito del suo miglioramento in velocità era anche nata una leggenda metropolitana, poi da lui smentita, che diceva che fosse stato in grado si finire una discesa sulla Streif con uno sci solo.

Ritiratosi dalle competizioni si è dedicato alla carriera di allenatore, ottenendo ulteriori successi attraverso la brillante carriera di Alberto Tomba, del quale, pur non essendo un Topolino iridato (arrivò solo 32 nel 1980), tra i tanti successi, ricordiamo la vittoria della Coppa generale nel 1995.

Image

1975 e 1977: Marc Girardelli

Questo grandissimo campione, nato a Lustenau, in Austria, il 18 luglio 1963, dopo aver militato nella nazionale austriaca, a causa di alcuni disaccordi riguardanti i metodi di allenamento, è passato a gareggiare per il Granducato di Lussemburgo, rinunciando alla cittadinanza austriaca e prendendo quella lussemburghese, grazie al decreto legge del 7 settembre 1987.

I primi di una lunga serie di successi importanti sono proprio quelli ottenuti al Trofeo Topolino dove ha conquistato nel ’75 i titoli di gigante e speciale nella categoria Ragazzi e nel ’77 quello di speciale nella categoria Allievi.

Dopo la sua prima vittoria in Svezia, nello speciale di Gaellivare il 27 febbraio del 1983, ha conquistato cinque vittorie l’anno successivo tra i pali stretti e si è aggiudicato la Coppetta di specialità, insieme al terzo posto nella Generale.

Nel 1985 ha conquistato la prima delle cinque Coppe Generali (1986, 1989, 1991, 1993). Nel 1989 è riuscito, primo nella storia dello sci, a salire sul gradino più alto del podio in tutte le discipline. Quest’impresa è stata ripetuta solo un’altra volta dal campione americano Bode Miller.

Oltre alle cinque Coppe Generali il lussemburghese vanta 100 podi, di cui 46 vittorie, in Coppa del Mondo, due Coppette di discesa (1989, 1994), una di gigante (1985), tre di speciale (1984, 1985, 1991) e quattro di combinata (1989, 1991, 1993, 1995), quattro ori Mondiali (combinata a Crans-Montana nel 1987, a Vail nel 1989 e a Sierra Nevada nel 1996, slalom speciale a Sankt Anton nel 1991).

Image

1982: Anita Wachter

Nata a Bartholomäberg (AUT) il 12 febbraio 1967, si aggiudica nel 1982 l’oro di speciale, nella categoria Allievi, al Trofeo Topolino. Pur praticando tutte le discipline, tranne la discesa, può essere considerata preminentemente una gigantista. E’ infatti in questa specialità che ha ottenuto i maggiori successi.

Dopo la vittoria al Trofeo Topolino, la sua carriera giovanile è proseguita con la vittoria di due ori ai Campionati Mondiali Juniores, conquistati entrambi, uno in speciale e uno in gigante, nel 1985 a Jesnà, nella allora Cecoslovacchia, e con la vittoria della Coppa Europa nel 1984, insieme a quella di gigante sempre in quell’anno.

Nella Major League ha conquistato 74 podi, di cui 18 primi posti, due Coppe di gigante, nel 1990 e nel 1994, la Coppa del Mondo Generale nel 1993 e un oro Olimpico nella combinata di Calgary nel 1988.

Image

1982: Petra Kronberger

Nel 1982 un’altra grandissima dello sci internazionale ha vinto il Trofeo Topolino. Era l’austriaca Petra Kronberger, nata il 2 febbraio 1969, che quell’anno si è aggiudicata l’oro nel gigante della categoria Ragazzi. Polivalente di altissimo calibro, l’austriaca si è ritirata dalle competizioni a soli ventitré anni, ma in questo breve lasso di tempo è riuscita a raggiungere tutti gli obiettivi più importanti. Ha debuttato in Coppa del Mondo l’11 dicembre 1987 e già il 14 gennaio 1988 ha conquistato il terzo posto nella discesa di Zinal. Da quel giorno ha conquistato 32 podi di Coppa del Mondo, di cui 16 vittorie, la Coppetta di speciale nel 1991, la Coppa del Mondo Generale nel 1990, 1991 e 1992, due ori Olimpici ad Albertville nel 1992 in speciale e combinata e un oro Mondiale nella discesa austriaca di Saalbach-Hinterglemm nel 1991.

Image

1985: Pernilla Wiberg

Nata a Norrköping (SWE) il 15 ottobre 1970, ha vinto nel 1985 lo slalom speciale del Trofeo Topolino nella categoria Allievi.

Image

Inizialmente slalomista, ha cominciato poi anche a darsi alle discipline veloci. E’ stato grazie a questa polivalenza che è riuscita a conquistare la vittoria della Coppa del Mondo nel 1997, insieme con quella di slalom. Anche la combinata l’ha vista regina in quell’anno, ma aveva già raggiunto la vetta nel 1994 e nel 1995. Vanta inoltre 61 podi, di cui 24 gradini più alti, nella World Cup, quattro ori Mondiali (il gigante di Saalbach-Hinterglemm nel 1991, lo speciale e la combinata di Sierra Nevada nel 1996 e la combinata di Vail/Beaver Creek nel 1999) e due ori Olimpici (il gigante di Albertville nel 1992 e la combinata di Lillehammer nel 1994). E’ tra le poche atlete ad aver conquistato la vittoria in tutte le discipline. Dal suo ritiro, nel 2002, fa parte del Comitato Olimpico Internazionale.

Image

1986: Katja Seiziger

Nel 1986 l’oro nel gigante Allievi del Trofeo Topolino viene assegnato alla tedesca Katja Seiziger, nata a Datteln il 10 maggio 1972. Dopo questa vittoria ha conquistato cinque medaglie ai Mondiali Juniores, un argento in super g e un bronzo in gigante ad Aleyska nel 1989 e un oro in super g e due argenti in discesa e gigante a Zinal nel 1991.

Image

E’, ad oggi, la miglior sciatrice tedesca di tutti i tempi. Vanta infatti 76 podi, di cui 36 vittorie, in Coppa del Mondo, due Coppe Generali, nel 1996 e nel 1998, cinque Coppette di super g (1993, 1994, 1995, 1996, 1998) e quattro di discesa (1993, 1994, 1995, 1998), un oro Mondiale nel super g di Morioka nel 1993 e tre ori Olimpici, uno a Lillehammer nel 1994 in discesa libera e due a Nagano nel 1998 in discesa libera e combinata. E’ proprio nel 1998, anno pieno di successo, che la Seiziger ha deciso di ritirarsi, ancora vincente.

1991: Benjamin Raich

Nato a Innsbruck (AUT), ma originario di Arzl im Pitzal, sempre nel Tirolo, il 28 febbraio 1978, ha vinto nel 1991 l’oro nello slalom della categoria Ragazzi del Trofeo Topolino. Pochi anni dopo si è aggiudicato ai Mondiali Juniores l’oro nello slalom speciale di Hoch-Ybrig nel 1996, l’oro nel gigante di Schladming nel 1997 e gli ori nel gigante e nello slalom di Megève/Chamonix/Saint-Gervais nel 1998.

Image

Esordisce nella Major League il 13 gennaio 1998 ad Adelboden e all’inizio del 1999, nel giro di due giorni, conquista il primo podio, il 6 gennaio nello slalom di Kranjska Gora, e la prima vittoria, il 7 gennaio, nello slalom di Schladming. Da quel giorno ha conquistato 90 podi, di cui 36 vittorie, in Coppa del Mondo, due Coppette di gigante (nel 2005 e nel 2006), tre Coppette di combinata (nel 2005, nel 2006 e nel 2010), tre Coppette di slalom (nel 2001, nel 2005 e nel 2007), una Coppa Generale nel 2006, tre ori Mondiali (nello speciale e nella combinata di Bormio nel 2005 e nella gara a squadre ad Åre nel 2007) e due ori Olimpici, entrambi a Torino nel 2006, in gigante e in speciale.

Nel 2011, durante la gara a squadre dei Mondiali di Garmisch-Partenkirchen, ha subito un grave infortunio, rompendosi i legamenti crociati del ginocchio sinistro. E’ tornato comunque a tornare al via nell’ultima stagione, mostrando un recupero davvero eccezionale: è infatti riuscito a conquistare tre podi: un terzo posto nel super g di Crans-Montana il 24 febbraio 2012, un secondo posto nel gigante di Adelboden il 7 gennaio 2012 ad una manciata di centesimi da uno scatenato Marcel Hirscher e un primo posto nel super g di Crans-Montana il 25 febbraio 2012.

Image

1997: Janica Kostelić

Nata il 2 gennaio 1982 a Zagabria (CRO), ha conquistato l’oro nel gigante Allievi del Trofeo Topolino.

Image

Ha debuttato in Coppa del mondo a soli 16 anni, nel 1998, e nella stagione successiva ha ottenuto il primo podio, un terzo posto nello slalom di Park City, e una vittoria in combinata a St. Anton.

Nel dicembre 1999, dopo aver infilato due vittorie in slalom, si è infortunata gravemente, subendo la rottura di quattro legamenti.

E’ rientrata la stagione successiva vincendo l’oro Mondiale, la Coppa del Mondo e le Coppette di speciale e combinata. Infortunata nuovamente al ginocchio, è stata costretta a saltare la stagione 2003-2004, ma rientrata, nel 2005, ha vinto tre ori Mondiali (discesa, slalom e combinata).

Per problemi alla tiroide, al ginocchio e alla schiena, ha deciso di saltare la stagione 2006-2007 e il 19 aprile 2007 ha annunciato il suo ritiro ufficiale dalle competizioni.

Il suo albo d’oro vanta tre Coppe del Mondo (2001, 2003, 2006), tre Coppette di slalom (2001, 2003, 2006) e quattro di combinata (2001, 2003, 2005, 2006), 55 podi in Coppa del Mondo, di cui 30 vittorie, quattro ori alle Olimpiadi (gigante, speciale e combinata a Salt Lake City nel 2002 e combinata a Torino nel 2006) e cinque ori ai Mondiali (speciale e combinata a Sankt Moritz nel 2003 e speciale e combinata a Bormio nel 2005).

E’ tra le cinque atlete che hanno vinto in tutte quante le specialità.

Image

1999: Lindsey Kildow

Nata a Saint Paul, MN, (U.S.A.) il 18 ottobre 1984, la allora Lindsey Kildow, oggi Vonn, anche se ormai divorziata dall’ex atleta Thomas Vonn, ha conquistato l’oro nello slalom speciale Allievi del Trofeo Topolino. Ha debuttato in Coppa del Mondo il 18 dicembre 2000 nello slalom di Park City e ha guadagnato il primo podio nel 2004 nella discesa di Cortina d’Ampezzo. Poco dopo, il 3 dicembre dello stesso anno, ha conquistato la sua prima vittoria nella discesa di Lake Louise.

Ma è stato nella stagione 2007-2008, quando si è presentata al cancelletto con il cognome del marito, che ha fatto il salto di qualità, vincendo la Coppa del Mondo. Quell’anno si è aggiudicato la Coppa di Cristallo anche Bode Miller, così i due americani hanno riproposto la doppietta a stelle e strisce conquistata nel 1983 da Phil Mahre e Tamara McKinney.

Il suo palmarès vanta 97 podi, di cui 53 vittorie (è terza come numero di vittorie in ambito femminile, superata solo da Vreni Schneider, 55, e da Annemarie Moser-Proell, 62). E’ la donna che ha vinto più Coppette di sempre: dodici, di cui cinque in discesa (2008, 2009, 2010, 2011 e 2012), quattro in super g (2009, 2010, 2011, 2012), tre in combinata (2010, 2011, 2012). Ha vinto quattro Coppe del Mondo generali (2008, 2009, 2010 e 2012), un oro alle Olimpiadi di Vancouver nel 2010 in discesa e due ori ai Mondiali di Val-d’Isère nel 2009 in discesa e super g. Nella scorsa stagione ha battuto il record del maggior numero di punti in Coppa del Mondo, in ambito femminile, prima detenuto da Janica Kostelić, con 1980 punti e con 18 vittorie in superg è la supergigantista più vincente di sempre.

Image

Come abbiamo potuto vedere, il Trofeo Topolino è davvero uno dei trampolini di lancio più importanti per giovani atleti di ogni nazionalità. Tanti altri vincitori si sono distinti nel corso degli anni e ritroviamo tra quelli degli ultimissimi anni gli emergenti più promettenti della Coppa del Mondo. Qualche nome? Tina Weirather, Beat Feuz, Nina Loset, Elena Curtoni, Anna Fenninger, Lara Gut, Emelie Wikstroem, Mikaela Shiffrin e Henrik Kristoffersen.

Certo, ci sono anche tanti che questo premio non l’hanno vinto, ma che poi si sono distinti comunque in ambito internazionale, tanto per citarne alcuni Igemar Stenmark, Pirmin Zurbriggern, Alberto Tomba e Deborah Compagnoni, ma ciò non toglie che questa bellissima manifestazione sia un’esperienza fondamentale per i giovanissimi, che si trovano per la prima volta a tastare il terreno delle competizioni internazionali.

Image

Come ultima cosa mi sembra doveroso citare i vincitori dell’ultima edizione, tenutasi a Folgaria il 2-3 marzo 2012.

Si sono aggiudicati l’oro di gigante nella categoria Ragazzi l’italiana Lara della Mea (vincitrice anche della passata edizione) e lo svizzero Cristophe Torrent; nella categoria Allievi la slovena Meta Hrovat e l’italiano Paolo Padello.

Hanno invece conquistato l’oro di speciale nella categoria Ragazzi sempre l’italiana Lara della Mea e il francese Victor Besson; nella categoria Allievi  Jessica Hilzinger del Liechtenstein e il bulgaro Albert Popov.

Image

Facciamo un gradissimo in bocca al lupo a questi giovani atleti per le loro future carriere e speriamo di vederli presto sul podio di tutte le altre manifestazioni iridate.

Annunci

»

  1. Bruno ha detto:

    Ciao Elena,

    E grazie per questo ultimo articolo, come sempre interessantissimo. Complimenti non solo per il contenuto, ma anche per il tuo modo di riferire i fatti : è un’autentico piacere leggerti. Lo farei per ore . . . . . Aspetto con impazienza il prossimo.

    • wunderdrels ha detto:

      Ciao Bruno,
      sono contenta che tu abbia trovato l’articolo interessante e sono davvero felice che il mio modo di scrivere ti piaccia. Per me è davvero importante!
      Grazie ancora per i complimenti e ti auguro una buona giornata.
      A presto!
      Elena

  2. thefizzyapple ha detto:

    Beeeeello!! ❤

  3. Wiwy ha detto:

    bellissimo articolo, molto interessanti la retrospettiva sulle stelle del firmamento e la proiezione sulle giovani speranze. complimenti!!!

  4. RINA ha detto:

    Hai dimostrato ancora una volta di possedere doti e capacità notevoli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...